Oggi conosciamo Tamara insieme al suo blog Bake Therapy. Leggete l’intervista che ci ha concesso per scoprire tutta la sua passione per la scrittura e per i dolci!

1.Descriviti con un Tweet

E mentre prepari la meringa italiana il nano fa il circense sul divano e la gatta reclama insistentemente crocchette. #benemanonbenissimo

2.Quand’è iniziata la tua passione per la scrittura?

Quando ho aperto il mio blog. Credo che essere blogger significhi comunicare, a prescindere dal tema di cui si vuole parlare, e sul web questo si traduce in parole scritte che devono arrivare dirette al punto, in modo chiaro e scorrevole. Una scrittura semplice, immediata e ironica è quello a cui aspiro e cerco di mantenere alto l’interesse per la scrittura leggendo molto e frequentando corsi (al momento partecipo ad un corso di scrittura narrativa presso una casa editrice).

Cookiecake2 copia3.Quando e perché hai deciso di aprire un blog da condividere con il mondo?

Ho aperto il mio primo blog nel 2009 senza sapere bene cosa fosse un blog e cosa volesse dire la parola blogger. Scrivevo ricette e le caricavo su questo diario online, poi ho iniziato a fare foto, poi ho scoperto tutto quello che c’è dietro ad un post food, tra set fotografici, editing e scrittura. Era una versione molto ipercolorata su blogspot, foto tremende e un mix di ricette dolci e salate. Con il tempo mi sono concentrata sui dolci, poi sull’intolleranza al lattosio e con l’arrivo del mio bimbo ho cominciato a trattare ricette child friendly.

4.Se dovessi descrivere il tuo blog in tre aggettivi, quali sceglieresti?

Allegro, semplice, a prova di mamma.

5.Che tipo di relazione instauri con i tuoi lettori?

Nonostante tanti anni sul web mi fa ancora strano che venga letto da estranei, mi sorprende sapere che persone hanno fatto delle mie ricette i loro piatti forti e ogni commento aggiunge un mattoncino a questa mia piccola casa virtuale, che cambia e cresce con me.

6.Usi molto i social network, qual’è il tuo preferito?

Facebook e instagram sono tra i miei preferiti. Il primo per l’interazione continua, la mole di notizie che offre e la possibilità di connessione tra utenti infinita. Il secondo perché amo follemente la fotografia e instagram è un catalogo in continuo mutamento.

136-copia7.Qual è, secondo te, il valore aggiunto di far parte di una directory come BlogsAnatomy?

Come ho già detto per me essere blogger è sinonimo di condivisione, prima di tutto tra blogger. Con il tempo ho imparato che dietro la parola community si possono nascondere situazioni che di social e condivisione hanno ben poco (come si suol dire “ho visto cose che voi umani…”) ma nell’ultimo anno ho coltivato e arricchito la mia cerchia virtuale, spesso oltrepassando i confini dell’online e arrivando ad abbracci, sorrisi e un paio di sprizt.

8.Blog internazionali, quali sono i tuoi preferiti?

Linda Lomellino è senza dubbio la mia preferita ( www.callmecupcake.se) con le sue foto da lasciare senza fiato e ricette splendide. Al di fuori del mondo food mi piace molto thebeautydepartment.com per consigli beauty con foto passo a passo e idee carine e semplici da realizzare. Infine iheartorganizing.com, un blog con idee e tutorial per organizzare e decorare la casa.

9. com’è nata la tua passione per il cibo? Ti piace sperimentare in cucina con ingredienti sempre nuovi?

Da quando mamma mi ha dato il permesso di mettere mano a forni e fruste elettriche ho iniziato a impastare torte e biscotti, spesso con risultati poco commestibili ma senza mai perdere la voglia di imparare e sperimentare. Amo la pasticceria per la sua precisione minuziosa, ma non posso negare di andare di improvvisazione selvaggia mescolando ingredienti che avanzano in cucina, spesso con risultati decisamente soddisfacenti.

10.Dal tuo blog si percepisce la tua passione per i dolci e la necessità di fare ricette senza usare lattosio. Come riesci a trasmettere questa passione attraverso il blog?

Cercando di dare il massimo creando un post che sia il più chiaro e lineare possibile. Una ricetta va visualizzata mentre si legge, vedere le uova che diventano sempre più chiare mentre si montano o la farina che cade come neve mentre la setacci. Le foto sono il punto fondamentale, sono quelle che personalmente mi fanno scegliere una ricetta piuttosto che un’altra, quindi è uno degli aspetti cui dedico maggior attenzione.

11. Che sensazione può darti un cupcake appena sfornato? 😀

Hai presente la sveglia della domenica mattina, senza obbligo e impegni e quella sensazione di pace con il mondo? Ecco, più o meno è quello che mi da lo sfornare dolci e dolcetti. E’ un po’ il mio aperitivo del venerdì sera, dopo una settimana allucinante, ma senza l’inconveniente dell’hangover. 😉

Commenta