Oggi conosciamo Simona Bianca, una dolcissima ragazza che racconta di sé e il suo meraviglioso blog biancavanigliarossacannella.

1.Descriviti con un Tweet

Eterna sognatrice, creativa e amante della natura.

2.Quand’è iniziata la tua passione per la scrittura?

La passione per la scrittura nasce una decina di anni fa, ai tempi del liceo, mi è sempre piaciuto tenere dei diari, agende o piccoli quaderni su cui appuntare i miei pensieri e racconti, accompagnati da foto incollate sulle pagine. Era una sorta di blog-cartaceo, dentro di me c’era già una piccola blogger.

3.Quando e perché hai deciso di aprire un blog da condividere con il mondo?

Ho aperto Biancavaniglia il 14 febbraio del 2013, il giorno di S. Valentino. E’ stata una decisione del tutto inconsapevole. Prima di aprire un blog non si conoscono i meccanismi, ma si impara con il tempo, sul campo. La cosa importante è la costanza e la voglia di condividere le proprie passioni.

4.Se dovessi descrivere il tuo blog in tre aggettivi, quali sceglieresti?

Creativo, colorato e originale.

5.Che tipo di relazione instauri con i tuoi lettori?

Ho un bellissimo rapporto. Non sono una persona di troppe parole, mi piace scrivere, ma amo ancor di più comunicare con le immagini. Ho dei lettori sensibili, che amano le cose belle ed originali, apprezzano molto la parte delicata e creativa del mio carattere, e del mio blog.

6.Usi molto i social network, qual è il tuo preferito?

Come potete intuire dalla mia risposta precedente, il  mio social preferito è senza dubbio Instagram, mi piace la comunicazione visiva, la fotografia è un’altra mia grande passione!

7.Qual è, secondo te, il valore aggiunto di far parte di una directory come BlogsAnatomy?

L’idea di racchiudere i blog per categoria e per posizione geografica mi piace e la trovo molto utile. Dal punto di vista di un blogger penso sia un’occasione in più per conoscere altri blog, ma anche un’opportunità in più per mettersi in contatto con aziende che hanno progetti e collaborazioni da proporre.

8.Blog internazionali, quali sono i tuoi preferiti?

Sul mio blog affronto sia il tema food che il tema DIY, di conseguenza seguo blog che hanno tematiche affini alle mie e ai miei interessi. Tra i miei preferiti c’è “Decor8” dell’americana Holly Becker, la trovo creativa a 360° e ha uno stile unico. Per il tema food (e lifestyle aggiungerei) uno dei miei preferiti è “Manger” di Mimi Thorisson amo le foto della natura, la casa e la vita di campagna.

9.Com’è nata la tua passione per il cibo e come riesci a trasmettere questa passione attraverso il blog?

La mia passione per il cibo è nata inevitabilmente quando ho cominciato a vivere da sola per via dell’università. Successivamente ho sviluppato una certa sensibilità per il cibo sano, negli ultimi anni mi sono avvicinata molto alla natura e alla terra, abbiamo piantato un orto che ad ogni stagione ci regala tante soddisfazioni.

 10.’My food project’ color soup, più che un progetto è una missione, quello di portare i colori della natura in cucina. Quanto ti piace sperimentare in cucina ?

Sperimento tanto, mi piace andare alla ricerca di ingredienti particolari e “nuovi”. Credo che la mia creatività si veda anche in alcune delle mie ricette. In ’My Food Project: color soup”, voglio dimostrare che si possono ottenere dei piatti colorati – in questo caso delle vellutate – con dei cibi sani, dai colori naturali. Mi sono divertita molto ad utilizzare ingredienti “particolari” come il sedano rapa, patate viola, carote nere, topinambur, patate dolci, rape rosse. Esistono molte varietà di ortaggi che aspettano solo di essere scoperti, sapori a cui forse non siamo culturalmente abituati, ma che hanno del potenziale. Spero diventino sempre più comuni sulle nostre tavole.

Team Blogs Anatomy

  1. Simona è straordinaria! Dolce, creativa, decisamente “rosa”…il suo blog non potrebbe rispecchiarla meglio e noi siamo proprio contente di seguirla 🙂

Commenta